A ridere c’è il rischio di apparire sciocchi (Leo Buscaglia)

A ridere c’è il rischio di apparire sciocchi;
A piangere c’è il rischio di essere chiamati sentimentali;
A stabilire un contatto con un altro c’è il rischio di farsi coinvolgere;
A mostrare i propri sentimenti c’è il rischio di mostrare il vostro vero io;
A esporre le vostre idee e i vostri sogni c’è il rischio d’essere chiamati ingenui;
Ad amare c’è il rischio di non essere corrisposti;
A vivere c’è il rischio di morire;
A sperare c’è il rischio della disperazione e
A tentare c’è il rischio del fallimento.
Ma bisogna correre i rischi, perché il rischio più grande nella vita è quello di non rischiare nulla.
La persona che non rischia nulla, non è nulla e non diviene nulla. Può evitare la sofferenza e l’angoscia, ma non può imparare a sentire e cambiare e progredire e amare e vivere. Incatenata alle sue certezze, è schiava.
Ha rinunciato alla libertà.
Solo la persona che rischia è veramente libera.

4 commenti:

Pupottina ha detto...

buon giovedì

^_____________^

Paolo D'Alonzo ha detto...

Che grandi soddisfazioni derivano dall'aver affrontato un rischio ed essersela cavati anche meglio di quanto uno potesse sperare. Dovrebbe essere da stimolo sempre.
un saluto
Paolo

Erika Alessandra Strangi ha detto...

Ciao!
Mi chiamo Erika!
Mi piace il tuo blog!
Vorrei che tu venissi a vedere il mio per dirmi cosa ne pensi!
Baci! <3

paroleamorsi ha detto...

Verissimo... spesso la paura di sbagliare, cadere, sperare e rimanere delusi, di essere giudicati ci lascia fermi su posizioni che appaiono "meno pericolose"... ma questo ci preclude tante emozioni!
A presto

GM C

P.s.: Inserisco il link nel mio blog, spero non sia cosa sgradita. Fammi sapere.
Alla prossima

 
Layout by Blografando Image wakoo