Il viandante (Rabindranath Tagore)

A lungo durerà il mio viaggio
e lunga è la via da percorrere.
Uscii sul mio carro ai primi albori
dei giorno, e proseguii il mio viaggio
attraverso i deserti dei mondo
lasciai la mia traccia
su molte stelle e pianeti.
Sono le vie più remote
che portano più vicino a te stesso;
è con lo studio più arduo che si ottiene
la semplicità d'una melodia.
Il viandante deve bussare
a molte porte straniere
per arrivare alla sua,
e bisogna viaggiare
per tutti i mondi esteriori
per giungere infine al sacrario
più segreto all'interno del cuore.
I miei occhi vagarono lontano
prima che li chiudessi dicendo:
«Eccoti!»
Il grido e la domanda: «Dove?»
si sciolgono nelle lacrime
di mille fiumi e inondano il mondo
con la certezza: « lo sono! »

2 commenti:

laveritàdaisy88.blogspot.com ha detto...

svegliate.sogna,ride, corri sempre verso in alto non fati cadere mai.perche solo tu e soltanto tu con la tua forza di volunta riuscirai a sognare e ha far .sognare un abracio

Pupottina ha detto...

^____________^

 
Layout by Blografando Image wakoo